Descrizione

Il 5 giugno 2016 è entrata in vigore la L.n. 76 del 20.05.2016 concernente la "Regolamentazione delle Unioni Civili tra persone dello stesso sesso e disciplina delle convivenze", che istituisce l'Unione Civile tra persone dello stesso sesso.
L'Unione Civile si costituisce tra due persone maggiorenni, dello stesso sesso, mediante dichiarazione resa davanti all'Ufficiale di Stato Civile alla presenza di due testimoni.
Con la costituzione di un'Unione Civile, le parti acquistano gli stessi diritti ed assumono gli stessi doveri, ovvero:
- obbligo reciproco all'assistenza morale e materiale ed alla coabitazione;
- obbligo di contribuire ai bisogni comuni secondo le proprie sostanze e capacità di lavoro professionale e casalingo;
- diritto/dovere di concordare l'indirizzo della vita familiare ed il potere di attuarlo.
La costituzione dell'Unione Civile è certificata da documento contenente i dati anagrafici delle parti, l'indicazione del loro regime patrimoniale e della loro residenza, oltre ai dati anagrafici ed alla residenza dei testimoni.

Il regime patrimoniale legale tra persone dello stesso sesso è costituito dalla comunione dei beni, salvo diversa pattuizione a favore della separazione dei beni, effettuabile sia in sede di costituzione dell'Unione Civile, che successivamente mediante stipula di apposita convenzione patrimoniale redatta in forma scritta davanti al notaio.

Le procedure per ottenere il divorzio sono le stesse del matrimonio, ma non è prevista la separazione.

Documentazione da presentare

- documento di identità
- modulo di richiesta, disponibile in allegato
- eventuale NULLA OSTA (per cittadini stranieri)

Iter procedura

Le parti fanno congiuntamente richiesta all’Ufficio di Stato Civile di un Comune a loro scelta, compilando il modulo disponibile in allegato. L’Ufficio redige immediatamente il processo verbale della richiesta invitando le parti a comparire di fronte a sé al fine di rendere la dichiarazione costitutiva dell’Unione. NEL PROCESSO VERBALE VIENE STABILITA LA DATA per rendere la dichiarazione costitutiva dell'Unione Civile, data successiva ai 15 giorni previsti per la verifica delle dichiarazioni e l’acquisizione delle certificazioni di legge.  

Entro 15 giorni dalla richiesta  l’Ufficio procede alla verifica delle dichiarazioni rese acquisendo tutta la documentazione idonea, nonché richiedendo eventuali integrazioni/rettifiche delle stesse.

Nel caso di cittadino straniero occorre presentare anche una dichiarazione dell’Autorità competente del proprio Paese dalla quale risulta che, giusta le leggi cui è sottoposto NULLA OSTA all’Unione Civile. Nel caso in cui lo stato estero di appartenenza non riconosca istituti analoghi all'Unione Civile, o al matrimonio tra persone dello stesso sesso, occorre comunque presentare una certificazione consolare che attesti la libertà di stato del cittadino straniero che intende costituire l'Unione Civile in Italia.

Nel giorno indicato dalle parti, le stesse rendono la dichiarazione, personalmente e congiuntamente, alla presenza di due testimoni di voler costituire tra loro l’Unione Civile. Di tale dichiarazione è redatto apposito verbale.
Nei casi di infermità, o altro comprovato impedimento di una delle parti, l’Ufficiale di Stato Civile si reca presso il luogo in cui si trova la parte impedita sia nei casi di ricezione della richiesta che per ricevere la dichiarazione di costituzione dell’Unione.
In caso di imminente pericolo di vita di una delle parti, l’Ufficiale di Stato Civile riceve la dichiarazione di costituzione anche se non vi sia stata precedente richiesta, previo giuramento delle parti sulla sussistenza dei presupposti per la costituzione dell’Unione e sull’assenza di cause impeditive.

Per avviare la procedura occorre rivolgersi personalmente all’Ufficio di Stato Civile, prenotando un appuntamento per presentare la richiesta.
Per informazioni e prenotazioni telefonare ai numeri 0558050823 - 0558050847.

Costi

Tariffa prevista per la celebrazione delle Unioni Civili in Sala Consiliare a Tavarnelle Val di Pesa: 
- GRATIS se entrambi i cittadini sono residenti nel Comune di Tavarnelle Val di Pesa
- € 200,00 iva inclusa se i cittadini non sono residenti nel Comune di Tavarnelle Val di Pesa (uno o nessuno dei due non residenti)

Tariffa prevista per la celebrazione del matrimoni a “Palazzo Malaspina” a San Donato in Poggio:
- € 200,00 iva inclusa per celebrazioni nei giorni da lunedì a venerdì, se entrambi i cittadini sono residenti nel Comune di Tavarnelle Val di Pesa
- € 250,00 iva inclusa per celebrazioni nei giorni di sabato e domenica, se i cittadini sono residenti nel Comune di Tavarnelle Val di Pesa
- € 400,00 iva inclusa per celebrazioni nei giorni da lunedì a venerdì, se i cittadini non sono residenti nel Comune di Tavarnelle Val di Pesa (uno o nessuno dei due non residenti)
- € 500,00 iva inclusa per celebrazioni in giorni nei giorni di sabato e domenica, se i cittadini non sono residenti nel Comune di Tavarnelle Val di Pesa (uno o nessuno dei due non residenti)

L’importo delle tariffe non comprende le spese per l’allestimento della sala, che è, comunque, a carico dei richiedenti la celebrazione dell’Unione.
La  ricevuta di avvenuto versamento o di effettuato Bonifico Bancario, dovrà essere presentata almeno 3 giorni prima della data stabilita per la celebrazione.
Nel caso di mancato pagamento il Comune procederà alla riscossione coattiva delle somme nelle forme di legge.
Nel caso in cui la mancata celebrazione dell’Unione Civile sia imputabile al Comune, si provvederà alla restituzione totale  della somma corrisposta.
Nessun rimborso sarà corrisposto qualora la mancata celebrazione dell’Unione Civile sia imputabile alle parti richiedenti.

Informazioni

Eventuale scelta del cognome comune dell’Unione Civile:

L’art. 4 del D.P.C.M. consente alle parti di indicare uno dei loro cognomi quale cognome comune dell’Unione Civile, che potrà essere aggiunto al cognome dell’altra parte. Tale dichiarazione deve essere effettuata al momento della costituzione dell’Unione Civile e comporta l’annotazione della variazione del cognome nell’atto di nascita dell’interessato. In conseguenza di ciò verrà altresì modificato il suo codice fiscale.

Per quanto concerne le trascrizioni di Unioni Civili avvenute all’estero, in attesa dell’emanazione dei Decreti Legislativi attuativi della L.n. 76/2016, potranno essere oggetto di trascrizione nel Registro provvisorio delle Unioni Civili solo se trasmessi all'Ufficio di Stato Civile dall’Autorità Consolare Italiana. Per chi ha già contratto all’estero un' Unione Civile, o un matrimonio tra persone dello stesso sesso, non è possibile ripetere il procedimento di costituzione dell’Unione Civile in Italia, sulla base delle disposizioni previste dalla L. n. 76/2016.

Normativa di riferimento

Legge n. 76/2016

E' di recentissima emissione un Decreto della Presidenza del Consiglio dei Ministri  che fornisce  le prime indicazioni agli Ufficiali dello Stato Civile per istituire il Registro delle Unioni Civili sul quale raccogliere le dichiarazioni dei cittadini che intendono costituirne una.
Sono poche indicazioni utili per una fase transitoria che finirà con la più puntuale regolamentazione che è affidata dalla  L. n. 76/2016 all'emanazione di due futuri  Decreti Legislativi.

Riferimenti e contatti

Ufficio
Segreteria
Referente
Segreteria
Responsabile
Rocco Cassano
Indirizzo
Piazza Matteotti n. 36 Tavarnelle Val di Pesa
Tel
055 8050823 - 055 8050847
Fax
055 8076657
E-mail
s.mannelli@comune.tavarnelle-val-di-pesa.fi.it - c.dinasso@comune.tavarnelle-val-di-pesa.fi.it
Orario di apertura
Da lunedì a venerdì 8.30 - 11.30, martedì - giovedì anche 15.30 - 18.00

FEEDBACK

 

Aiutaci a migliorare!

La tua opinione è molto importante! Se vuoi puoi lasciare un commento alla scheda che stai consultando per aiutarci a migliorare il contenuto delle informazioni. Clicca sul pulsante "Lascia feedback" sotto questo messaggio. Grazie!

 

Lascia il tuo feedback

I campo con * sono obbligatori.

Valutazione *