Modalità di richiesta

Chi effettua il cambio di indirizzo all'interno del territorio comunale deve presentare una comunicazione all'Ufficio Servizi Demografici entro 20 giorni dal trasferimento.
E' possibile comunicare il trasferimento di residenza nelle seguenti modalità:

  • presso l'Ufficio Demografici solo su appuntamento (ingresso da Ufficio URP, Piazza Matteotti n. 39).

L'appuntamento può essere prenotato:
- telefonando al n. 055-055
- presso l'Ufficio URP del Comune di Tavarnelle Val di Pesa
- on line selezionando il giorno e l'ora nell'agenda dell'Ufficio Servizi Demografici.

  • trasmettendo la modulistica:

- per raccomandata all'indirizzo: Comune di Tavarnelle Val di Pesa Ufficio Servizi Demografici Piazza Giacomo Matteotti, n. 39 50028 Tavarnelle Val di Pesa
- per fax al n. 055 8076657
- per e-mail all'indirizzo anagrafe@comune.tavarnelle-val-di-pesa.fi.it
- per PEC all'indirizzo comune.tavarnellevaldipesa@postacert.toscana.it
La trasmissione per e-mail o PEC è consentita ad una delle seguenti condizioni:
- che la dichiarazione sia sottoscritta con firma digitale
- che il dichiarante sia identificato dal sistema informatico con l'uso della Carta d'identità elettronica, della carta nazionale dei servizi, o comunque con strumenti che consentano l'indentificazione
- che la dichiarazione sia trasmessa attraverso la casella di posta elettronica certificata del dichiarante
- che la copia della dichiarazione recante la firma autografa e la copia del documento d'identità del dichiarante siano acquisite mediante scanner e trasmesse tramite posta elettronica semplice.

Documentazione da presentare

1) modulo di dichiarazione di residenza, compilato in ogni sua parte e firmato da tutti i componenti del nucleo familiare maggiorenni (il modulo allegato è per n. 4 richiedenti, in caso di più richiedenti compilare più moduli).
Precisazioni:
- per ogni soggetto in possesso di patente di guida, è necessario indicare sul modulo i dati della patente;
- per i soggetti proprietari di autoveicolo o intestatario di targa di ciclomotore, è necessario indicare i dati del libretto di circolazione;
- per coloro che entrano in una convivenza (collegio, convitto, caserma, casa di riposo, ecc) la dichiarazione di residenza deve essere compilata dal capo-convivenza su richiesta del diretto interessato. In tal caso si configura un rapporto di coabitazione (laddove non sussista un vincolo affettivo fra i componenti dello stesso nucleo anagrafico).
2) copia del documento d'identità del richiedente e delle persone che trasferiscono la residenza insieme al richiedente.
3) SOLO per i cittadini extra comunitari: copia del permesso di soggiorno e del passaporto del richiedente e delle persone che trasferiscono la residenza insieme al richiedente.
4) SOLO se la dichiarazione di residenza riguarda persone diverse dal proprietario/affittuario (parenti, affini, non intestatari del titolo di occupazione, ecc): dichiarazione di assenso del proprietario.
5) SOLO in caso di subentro in abitazione già accupata da cittadini residenti: dichiarazione di consenso dell’ospitante con allegata fotocopia di documento di identità dell’ospitante
6) SOLO in caso di trasferimento di minore non accompagnato da entrambi i genitori: dichiarazione di assenso al trasferimento del minore sottoscritta dall’altro genitore, con allegata copia di documento d’identità o altro titolo che autorizza al trasferimento (tutela, amministrazione di sostegno, affido esclusivo, ecc….).

Inoltre i cittadini stranieri devono presentare:
7) la documentazione indicata nell'Allegato A alla presente scheda, in caso di cittadini di stato non appartenente all'Unione Europea,
8) la documentazione indicata nell'Allegato B alla presente scheda, in caso di cittadini di stato appartenente all'Unione Europea,


I moduli sono disponibile nella sezione "documenti e modulistica" della presente scheda o presso l'Ufficio URP.

Costi

Gratuito

Tempi

Si raccomanda di effettuare la richiesta a trasferimento avvenuto e concluso, in quanto tutte le richieste saranno sottoposte a verifica, come richiesto dalla Legge n.35/2012.
Gli effetti giuridici delle dichiarazioni decorrono dalla data di presentazione.
Entro i 2 giorni lavorativi successivi alla presentazione della dichiarazione il richiedente è iscritto in anagrafe e potrà ottenere il certificato di residenza e lo stato di famiglia con il nuovo indirizzo.
Nei successivi 45 giorni il Comune dispone accertamenti per la verifica della dimora abituale. Decorso tale termine, qualora non vengano comunicati all’interessato gli eventuali requisiti mancanti o gli esiti negativi degli accertamenti svolti, ai sensi dell’art.10 bis della Legge 241/1990, quanto dichiarato si considera conforme alla situazione di fatto in essere alla data della dichiarazione, ai sensi dell’art.20 della legge 241/1990 che disciplina l’istituto del silenzio-assenso.

Informazioni

  • Le richieste di residenza inviate per raccomandata, fax o pec non saranno prese in considerazione se prive dei dati necessari all'espletamento della pratica da parte dell'Ufficio Servizi Demografici.
  • Nel caso di trasferimento di un intero nucleo familiare, la denuncia può essere presentata da uno qualsiasi dei componenti la famiglia, purché maggiorenne. Chi effettua la denuncia deve indicare i dati anagrafici e i codici fiscali di tutti i componenti il nucleo familiare.
  • A seguito del cambiamento di indirizzo, l'interessato deve presentare all'Ufficio Tributi denuncia o variazione ai fini dell'applicazione della TARES.
  • Si precisano di seguito le diverse situazioni che si possono presentare per i cittadini stranieri:

- Il cittadino in attesa del rinnovo del permesso di soggiorno, oltre a quanto indicato nella sezione "documentazione da presentare" , in relazione al titolo di soggiorno deve presentare:
originale del permesso di soggiorno scaduto o in scadenza;
originale della ricevuta di richiesta di rinnovo del permesso (il rinnovo deve essere richiesto almeno 60 giorni prima della scadenza del permesso).
- Il cittadino in attesa del rilascio del permesso di soggiorno per ricongiungimento famigliare, oltre a quanto indicato oltre a quanto indicato nella sezione "documentazione da presentare" deve presentare:
visto di ingresso originale per ricongiungimento famigliare (sul passaporto);
copia del NULLAOSTA al ricongiungimento famigliare rilasciato dallo Sportello Unico per l’Immigrazione;
originale della ricevuta del KIT delle Poste Italiane per la richiesta del permesso di soggiorno;
copia della domanda di rilascio del permesso di soggiorno per ricongiungimento familiare.
Se il ricongiungimento riguarda un adulto ed un minore indicato sullo stesso permesso, per l’iscrizione anagrafica del minore è necessario che anche l’adulto cui si ricongiungono presenti, o sottoscriva congiuntamente, la richiesta di iscrizione del minore.

 

- Il cittadino in attesa del rilascio del permesso di soggiorno per lavoro subordinato, anche a seguito di regolarizzazione (emersione colf e badanti), oltre a quanto indicato oltre a quanto indicato nella sezione "documentazione da presentare" deve presentare:
originale del contratto di soggiorno rilasciato dallo Sportello Unico per l’Immigrazione;
originale della ricevuta del KIT delle Poste Italiane per la richiesta del permesso di soggiorno;
copia della domanda di rilascio permesso di soggiorno rilasciata dallo Sportello Unico per l’Immigrazione.



 

Avvertenze

Ulteriori adempimenti previsti dal D.L. 28 marzo 2014, n. 47, titolato «Misure urgenti per l'emergenza abitativa, per il mercato delle costruzioni e per Expo 2015», convertito con modificazioni nella legge 23/5/2014, n. 80,  in vigore dal 29 marzo 2014.
L’art. 5 – primo comma - del Decreto Legge n. 47/2014, convertito con modificazioni dalla Legge n. 80/2014, dispone: “chiunque occupa abusivamente un immobile senza titolo non può chiedere la residenza né l'allacciamento a pubblici servizi in relazione all'immobile medesimo e agli atti emessi in violazione di tale divieto sono nulli a tutti gli effetti di legge”. Quindi, In applicazione a tale nuova normativa, la residenza si basa non solo sull’effettiva dimora abituale ma anche sulla regolarità del titolo di occupazione dell’immobile.

Conseguenze in caso di false dichiarazioni
Qualora risulti difformità fra quanto dichiarato e le dichiarazioni rese non corrispondano al vero, il provvedimento d’iscrizione verrà annullato (ovvero verrà ripristinata la posizione anagrafica precedente, come non fosse mai intervenuta alcuna modifica) e si applicheranno le disposizioni di cui agli artt.75 e 76 del DPR 445/2000, come da disposizioni ministeriali (comma 4 dell’art.5 – D.L. 9/2/2012) i quali dispongono la decadenza immediata dai benefici acquisiti e il rilievo penale delle dichiarazioni mendaci all’autorità giudiziaria.

 

 

 

Normativa di riferimento

L. 35/2012

Riferimenti e contatti

Ufficio
Servizi Demografici
Referente
Simonetta Mannelli - Cristina Di Nasso
Responsabile
Rocco Cassano
Indirizzo
Piazza Matteotti n. 39 Tavarnelle Val di Pesa
Tel
055 8050823 - 055 8050847
Fax
055 8076657
E-mail
s.mannelli@comune.tavarnelle-val-di-pesa.fi.it - c.dinasso@comune.tavarnelle-val-di-pesa.fi.it
Orario di apertura
Da lunedì a venerdì 8.30 - 11.30, martedì - giovedì anche 15.30 - 18.00

FEEDBACK

 

Aiutaci a migliorare!

La tua opinione è molto importante! Se vuoi puoi lasciare un commento alla scheda che stai consultando per aiutarci a migliorare il contenuto delle informazioni. Clicca sul pulsante "Lascia feedback" sotto questo messaggio. Grazie!

 

Lascia il tuo feedback

I campo con * sono obbligatori.

Valutazione *